Trofeo Partenope 2016


Lo stadio Albricci ha ospitato il quinto Trofeo Partenope, il torneo studentesco di rugby organizzato dalla Partenope Junior. L’impianto è stato “invaso” per una mattina da centinaia di studenti di otto scuole medie e cinque istituti superiori, riportando in auge lo storico campionato studentesco che Napoli vantava negli anni Sessanta e Settanta. In campo, 220 atleti hanno disputato tre tornei in contemporanea, validi per le categorie Under 12, 16 e 18: “L’obiettivo – dice Dario Calapai, presidente Partenope Rugby Junior – era dimostrare che anche nella fascia di età critica per l’abbandono sportivo, tra i 14 e i 17 anni, il rugby può avere forte appeal tra i banchi di scuola”. Le scuole partecipanti rappresentano la città di Napoli sia nei suoi quartieri del centro storico che nelle difficili periferie come Scampia e S. Giovanni a Teduccio, aree che mancano di strutture adeguate. Dopo tre ore di partite, i trofei sono stati assegnati alla scuola media IC Sogliano (categoria U12), al Liceo Scientifico De Luca di Avellino (U16) e al Liceo Scientifico Cuoco (U18). Le altre scuole partecipanti sono Costantinopoli, Pertini, Bovio-Colletta, Volino-Croce, Da Vinci, Caruso, Liceo Classico Garibaldi, Svevo-Pirandello, Sarria-Monti e Belvedere. Da sottolineare la partecipazione dei ragazzi disabili dell’associazione “Si può dare di più”, che hanno potuto giocare con la palla ovale sul prato adiacente al campo iniziando un percorso di integrazione che apre gli orizzonti del rugby napoletano. “Col Trofeo Partenope si è finalizzato il percorso che la Partenope Junior, grazie al suo nutrito e appassionato staff di giovani allenatori e dirigenti, ha avviato nel tessuto scolastico della città, aprendo nel contempo ad altre realtà scolastiche non seguite direttamente da noi”, ha spiegato Calapai. L’evento è stato patrocinato dagli assessorati allo sport e all’istruzione del comune di Napoli, da Federugby, Gesac Aeroporto Internazionale di Napoli e supportato tecnicamente da Decathlon via Arenaccia. (m.c.)