SERIE B – LA CRONACA (DI PARTE) DELLA ROCAMBOLESCA VITTORIA DELLA PRIMA SQUADRA CON IL PAGANICA.


Mentre oltreoceano i Patrioti della Nuova Inghilterra si preparavano a scrivere la storia, all’Arenaccia i Saraceni figli di Annibale e di Partenope celebravano l’impresa. Nemmeno il più temerario scommettitore avrebbe sprecato un centesimo sulla vittoria dei biancoazzurri, che all’inizio della ripresa soccombevano per 21 a 3 contro la terza forza del girone 4 di serie B.
La svolta improvvisa è stata determinata dalla strigliata in ispanopartenopeo del subcomandante Marcos, sicuro della valenza dei suoi gauchos, ma “cansado” della loro indisciplina.
E allora Battistino, appena entrato in sostituzione di Piè Veloce Borsa, pone subito il dubbio iperbolico : dove eravamo rimasti all’andata ? Ah si, intercetto. Ed intercetto fu con meta in mezzo ai pali. Da qui si scatenava la cavalleria napoletana, coadiuvata da un pacchetto di mischia in formato testuggine. La mediana dettava i tempi e le modalità di assalto, che portavano alle marcature di Andrea Berti, al bis di Battistino, ormai most wanted in Paganica e dintorni, ed al gioco di prestigio finale del Mago argentino, con bonus offensivo pagato a 3000 only in Las Vegas.
In visibilio i fedelissimi presenti a bordo campo, ampiamente ripagati per il loro generoso sostegno.
Notato un emulo di Sor Carletto Mazzone che ha accompagnato le incursioni dei locali correndo sulla pista d’atletica come un invasato.

Da menzionare ad inizio gara, il commovente ricordo del giovane Mario, atleta del Paganica, prematuramente scomparso, e, a fine partita., la festosa invasione di campo.
E adesso tutti a Frascati con lo stesso entusiasmo e determinazione !

Alessandro Battista, veterano guardialinee volontario amatoriale prestato dalla pallanuoto e dal foro di Napoli al rugby per ragioni familiari.