U14 – IL RACCONTO, ANCHE SE TARDIVO, DELLA BELLISSIMA ESPERIENZA DEL TORNEO RFC DI BOLOGNA.


Nonostante siano passate un paio di settimane, abbiamo finalmente il racconto della bellissima esperienza del torneo Rugby Cultura e Fratellanza organizzato dagli amici del Reno Bologna in occasione dell’Immacolata, a suggello di una collaudata e profonda amicizia tra i nostri club. Il quadrangolare, vinto poi dai padroni di casa, ha visto la partecipazione anche dell’Alto Vicentino Rugby e del Rovereto.

Convocati Sarracins:
Savarese
De Biase
Verolino
Arpa
Tamburrini
Ranieti
Grandoni
Perroni
Cozzolino
Riviera
Campo
Carotenuto
Fontana
Armano
Annunziata
Autiero
Pezzella
D’aniello
Avolio

 

I risultati:

Rugby Alto Vicentino V AP Partenope 31 – 0 (5  -0)
AP Partenope V Lagaria Rovereto 17 – 7 (3 – 1)
meta Tamburrini,Savarese, Cozzolino
Trasformazione De Biase.
Reno Bologna V AP Partenope 26-12 (4-2)
2 mete Tamburrini
1 trasformazione De Biase

All’improvviso Bologna. Dopo qualche defezione dei miei compagni di squadra è arrivata la per me la convocazione tanto attesa per il torneo di Bologna, un’esperienza molto bella dal primo momento, quello della partenza dalla stazione di Napoli. Insieme alla mia squadra nel treno ci siamo divertiti tanto e arrivati a Bologna abbiamo preso un altro treno per arrivare a destinazione. Una volta arrivati siamo andati alla club house e abbiamo mangiato tutti insieme, passando dei momento bellissimi. Dopo cena ci siamo trasferiti nelle case delle famiglie che ci hanno ospitato e io sono andato insieme ad Angelo dalla famiglia Dell’Aglio e siamo stati benissimo. Il giorno delle partite ci siamo divertiti e lottato tanto in ogni partita anche se una vittoria e due sconfitte non sono state un grande bottino. Comunque è stata per me un’esperienza indelebile, perciò ringrazio la Partenope, il mister, Fabrizio, Pasquale, Lisa, Umberto e Valentina per averci accompagnato in questa magnifica esperienza.”
Vincenzo D’aniello – seconda linea

“È stato molto bello giocare a Bologna contro delle squadre molto forti e perdendo contro di loro ho capito che non si può vincere sempre e quella mete che ho fatto è grazie alla squadra a Niko e Fabrizio.”
Kevin Savarese – estremo