UNDER 12 – PARABIAGO DOLCE, GRAZIE DI TUTTO.


Tutto cominciò il 26 novembre dello scorso anno quando la nostra U14 si avventurò a Milano nella tappa del Superchallenge, nel girone organizzato dal Rugby Parabiago. La nostra spedizione, guidata dal nostromo Fabrizio Fontana, si trovò catapultata nelle nebbie serali padane, ma trovando una sorprendente accoglienza da parte dei padroni di casa che in pochi minuti fecero sentire i nostri infreddoliti Sarracins come a casa Albricci. In quel fine settimana scoppiò la scintilla dalla quale è partito un ponte di amicizia tra Parabiago e Partenope, costruito in modo sapiente e lungimirante da Fabrizio, Pietro, Debora, Umberto, Valentina, Nicoletta, Natalia, e tutti gli altri genitori dirigenti con le due tappe del maggio napoletano U14 e della partecipazione dei nostri U12 al torneo del Galletto appena conclusosi.

La salita a Milano non è stata semplice da organizzare, per la prima volta infatti i nostri bambini hanno partecipato ad un torneo lontano da Napoli, sperimentando l’ospitalità dei bambini nelle famiglie di casa Parabiago, una nuova esperienza per i nostri genitori PRJ, già vissuta intensamente dalle squadre U14 e U16. Per molto tempo la partecipazione era stata in bilico, ma le tenacia e il savoir faire delle nostre mamme U12 Cristiane e Lisa sono state premiate e ripagate alla grande. Vi lasciamo il loro commento a caldo ancora in viaggio verso Napule…

“Siamo sul treno che da Milano ci sta riportando a casa, ascolto ancora l’entusiasmo che fuoriesce da ogni singolo sguardo, parola e risata di ciascun ragazzo. Tre giorni intensi ricchi di tante emozioni, due notti ospiti presso le meravigliose famiglie dei nostri amici (e adesso lo posso confermare) del Parabiago, che hanno curato uno ad uno ogni singolo ragazzo come se fosse figlio loro. Preoccupandosi anche giorni prima di quali fossero le preferenze culinarie, i problemi che avessero potuto creare presenze di animali nelle case. Ognuno di loro tra l’altro aveva con sé un presente da consegnare alle famiglie. Insomma c’è chi addirittura ha lavato nelle proprie lavatrici le fantastiche maglie utilizzate per la partenza. Noi dirigenti e tecnici invitati a cena dallo staff ci siamo trovati continuamente dinnanzi a birre , polli e grigliate. E da buoni napoletani non potevamo contraccambiare con la meravigliosa mozzarella, fantastici taralli e il famosissimo vino del nostro amato “cantiniere” Fabrizio Fontana.
Un meraviglioso fine settimana che ci ha lasciato tanto, una bellissima esperienza, delle bellissime persone…. E se permettete un meritatissimo terzo posto. Grazie di cuore al Parabiago Rugby per la fantastica esperienza offerta a noi e soprattutto ai nostri ragazzi. Vi aspettiamo presto. ”

Cristiana Di Grazia, dirigente e mamma under 12, già mamma di due splendide fanciulle U8 e femminile U14.

 

“Come alla fine di ogni esperienza nuova mi ritrovo a dire: “quindi questo anche è Rugby?” In questi tre giorni ho vissuto un altro suo aspetto, felicissima di aver visto classificare la nostra U12 al terzo posto contro squadre di alto livello tecnico, ho sicuramente avuto conferma di come i nostri preparatori stiano lavorando alla grande sui ragazzi. Con me in questo vagone peró viaggia una squadra a cui mi sono legata profondamente ed è la vera ricchezza, il vero e più bel trofeo che potevamo riportarci a casa. Dal primo all’ultimo hanno dimostrato la bellezza di questa generazione spesso e ingiustamente troppo criticata. Ai ragazzi basta dare un’opportunità, una chances, fiducia, incoraggiamento…amore! Si raccoglie esattamente ciò che si semina e loro sono germogli, fragili e vanno protetti, in crescita e vanno nutriti, con fusti ancora deboli e vanno corretti, questi ragazzi vanno curati! Sono innamorata della loro unione, del loro modo di scherzare, della grinta e delle lacrime di chi avrebbe voluto dare di più! Il loro orgoglio, la ricerca del compagno a cui passare la palla o rubare un morso della merenda, le loro scorregge scostumate e rimproverarli per qualche parolaccia di troppo. Sono una mamma e sono apprensiva e loro pazientemente sanno sopportare anche i miei richiami e i miei appelli. Adoro fotografarli e loro anche se fingono di non interessarsene si lasciano immortalare per poi pubblicare con vanesia le immagini di profilo. In campo hanno incontrato ragazzini come loro, di altre città e con la stessa passione, uniti, hanno affrontato gli avversari con tenacia e con la stessa unione correvano a fine partita a stringergli la mano. I genitori sugli spalti hanno sostenuto con un tifo scatenato cercando di dare a noi dirigenti ogni aiuto possibile, quelli che invece da casa fremevano e avevano il diritto di godere della stessa emozione con le dirette abbiamo cercato di fargli arrivare parte di questa! Alla fine erano tutti collegati! Gli amici di Parabiago ci hanno accolto e coccolato, ci hanno scarrozzato avanti e indietro, hanno ospitato i nostri monellacci e sono nate nuove amicizie che sono certa continueranno a crescere! Che dire, è stato tutto fantastico, Maurizio già sta vincendo solo vivendole queste esperienze e mettendoci tutto se stesso sono certa che raccoglierà anche belle soddisfazioni, perché come dicevo si raccoglie ciò che si semina, sempre!!!!
Ps: un grazie particolare agli amici della Parabiago rugby, siete eccezionali 

Lisa Abussi, dirigente e mamma U12, al primo anno in carica tra le fila degli accompagnatori, ma come se lo fosse già da un decennio.