VINCE ANCORA LA PRIMA SQUADRA – I RISULTATI PARTENOPE DEL WEEKEND


Prima di commentare la nuova vittoria della prima squadra Partenope, di seguito i risultati di tutte le squadre del cavallino impegnate nel fine settimana

1° XV – vs Dragoni Sanniti San Giorgio del Sannio 38 – 5 (6 – 1)
U16 Elite Borbonici vs UR Capitolina 0 – 55 (0 – 9)
U14 vs Campi Flegrei Pozzuoli 67 – 0 (11 – 0)
Femminile U16 con il tutoraggio dell’Amatori Torre del Greco, 2° posto al raggruppamento interregionale.

Cronaca semiseria del match di serie C-1 AP Partenope vs Dragoni Sanniti.

Il XV di Marcos Reyna e Tonino Siciliano scende in campo a casa Albricci per la prima giornata di ritorno del girone regionale, ospitando i gagliardi Dragoni di San Giorgio del Sannio. I giovani mediani di casa, Corrado Berti e Mattia Melillo, subito cercano di dare ritmo e intensità e in effetti si produce tanto gioco. Arrivano 3 mete in sequenza, dimostrando piano piano la superiorità tecnica dei cavallucci Partenope, ma i Dragoni ci sono e non mollano, facendosi sentire in mischia chiusa e nei raggruppamenti. Angelo O’ Cantante, nel ruolo di estremo, trova spazi ampi ed è bello ritrovarlo libero di correre e cercare la via. Rimarchevole il primo tempo, o meglio i primi 20′ del numero 8 Peppe Termini che mette in mostra una forma smagliante, elettrica diremmo, tanto che dagli spalti, il nutrito pubblico (nel senso che aveva appena finito di sbafarsi l’impossibile durante il terzo tempo della U16 Borbonici v Capitolina), si chiedeva con malcelato sospetto “oi Pè, ma che cazz t’è pigliato stammatina vicino o cafè”?!?
Tutto a posto, I Dragoni pressano la squadra di Marcos e Tonino, li chiudono nel lontano box vicino la piscina e trovano la meta di pacchetto e fine primo tempo con un accenno di scaramuccia subito sedato dal bravo arbitro signor Lombardi da Napoli.
La seconda frazione vede solo la Partenope in campo che segna altre 3 mete, di cui una di pregevole fattura, con numerosi ricicli sull’asse centrale del campo, per poi aprire al largo sul lato sinistro, con la meta sempre spettacolare della gazzella Yonusa, sempre più sicuro e affidabile nel suo ruolo di ala della savana. Le sue movenze sono bellissime da guardare, nonostante il suo peso leggero e la sua poca esperienza.
In generale buona la difesa, ma tanti sono stati i peccati di presunzione che hanno mortificato tante possibili opportunità di segnatura, dovuti a giovanili egoismi e alla non applicazione dei fondamentali applicati alla regola della superiorità numerica. Ecco perchè il subcomandante Marcos a fine partita ha fatto un liscebbusso a tutti quanti.
Da segnalare l’esordio in panca tra i 22 del giovanissimo Guglielmo Gelormini, sbandieratore ufficiale della giovanile, inserito all’ultimo momento per forfait dell’altro fanciullo di primo pelo Emanuele Trotta.
Terzo tempo ancora una volta di livello, con vino rosso di Afragola che il buon Nico Giacco spaccia per Bruniello di Montalcino, frittate di maccheroni, teglie di rigatoni, birre nazionali e di abbazia (Saint Anastasy).
Bello ritrovare anche vecchi compagni di tante battaglie insieme ai ragazzi della U14 e U16 con genitori al seguito.
Alla prossima avventura.

I favolosi 22:
Accarino, Adamo, Barbato, Barano, Sessa, Gelormini, Finelli, Pecoraro, Siciliano, Russo, Buonincontro, Giacco, Sebastiano, Berti, Fiorino, Turizio, Melillo, Jallow, Testa, Turino, Tiburcio, Giustiniani, Murino, Termini.