5228 KM PER SEGNARE LA SUA META, IL RACCONTO DI YONUSA DEL SUO ESORDIO IN PRIMA SQUADRA.


Domenica è iniziato il campionato di serie C1 e nella squadra del XV Partenope che è scesa in campo a San Martino Sannita per affrontare i Dragoni Sanniti, ha debuttato il giovane Yonusa Jallow, 18 anni, venuto dal Gambia 3 anni fa dopo un lungo viaggio e, per gli imprevedibili rimbalzi della vita come quelli di una palla ovale, finito ad abitare a fianco della casa del nostro subcomandante Marcos Reyna. Portato sul campo, dopo l’iniziale timidezza, è diventato un punto di riferimento del gruppo giovanile, imparando piano piano il gioco e conquistandosi nel contempo una propria vita. Da pochi mesi maggiorenne, ottenuto lo status di rifugiato politico, domenica ha esordito con i seniores, e come ogni favola che si rispetti, ha segnato la sua prima meta da grande…ecco il suo racconto del match, ovviamente il disgraziato si è fatto aiutare dal traduttore google…ma la stoffa di narratore la tiene.

“Iniziamo il campionato in trasferta contro i Dragoni Sanniti. Prima di scendere in campo Tonino e Leandro ci danno un motivo in più per portare a casa la vittoria. Inizia la partita, il primo tempo giochiamo bene, difendiamo bene, il tabellone dice “Dragoni 6-12 Partenope”. Il secondo tempo inizia non molto bene, la nostra difesa cala mentalmente e subiamo due mete. Al 50º minuto entro al posto di Turizio per infortunio. Iniziamo ad attaccare e mettere in difficoltà gli avversari, ad un certo punto palla nostra nei loro 22, vedo che davanti a me non c’è nessuno e chiamo la palla, Marcos mi sente, la apre ed io non devo fare altro che buttarmi e schiacciare la palla in meta. La partita finisce sul risultato di 20-32 a favore nostro, sono contento della vittoria, ma soprattutto per la mia prima meta in Seniores.”
Yonusa Jallow, 3/4 gazzella.