IRELAND 2017 – IL DIARIO DI VIAGGIO DELLA RUGBY WORLD CUP WOMEN’S – GIORNI 19 E 20


Siamo quasi alla fine di questo intenso emozionante viaggio dentro la coppa del mondo femminile, e in queste due giornate Maria Cristina ci trasmette entusiasmo e speranza per alimentare il futuro del nostro gioco con la gioia e la determinazione di voler far parte del mondo del rugby da parte di tutte le donne del mondo. Buona lettura

Diario di viaggio!
Camera S-Conforto 19 e 20!

Giovedì 24 e Venerdì 25 Agosto 2017
Avete presente la sensazione meravigliosa dei primi giorni di scuola, soprattutto alle elementari, quando eravamo piccoli? Quando si partiva da casa con lo zaino…anzi….con la cartella sulle spalle, i quaderni nuovi, l’astuccio pieno di matite che profumavano di legno vero, le gomme colorate….e tante aspettative per quello che sarebbe successo in classe?
E l’odore dei quaderni e dei libri nuovi, che a sentirlo ora ad ogni Settembre mi evoca dei film infiniti sulla mia infanzia!
Questi due giorni per me sono trascorsi così!
Partenza molto presto dall’hotel, rigorosamente zaino in spalla, breve percorso a piedi, e poi una full immersion di presentazioni, contributi, lavori di gruppo, il tutto sotto il titolo di “Leadership Forum”, un incontro tra le rappresentanze di tutte le Federazioni del mondo, parlando di rugby femminile.
Per alcune zone erano presenti i rappresentanti delle aree ( tipo Oceania, Sud America, ecc).
Non è la prima volta che partecipo ad incontri del genere, ma ogni volta è uno scambio di informazioni, un arricchimento incredibile di energia.
Questa volta la sintesi che mi porto dentro, oltre ovviamente a nozioni, file e documenti è la seguente : “ L’entusiasmo e l’energia delle bambine e delle ragazze è lo stesso in tutti i Paesi del mondo.”
Può anche sembrare riduttivo, ma sta a significare che, mentre ciascuno spesso è preso solo dalle questioni di casa propria…poche praticanti…gli stereotipi…pochi investimenti…pensando di essere il Calimero della situazione, in realtà la maggior parte delle federazioni deve combattere le stesse battaglie, e al contrario può contare su dei punti di forza simili.
Ecco…uno di questi è il sorriso e l’entusiasmo delle ragazze, grandi e piccole, che corrono con la palla storta in campo, assaporando quel senso di libertà all’interno di regole che il rugby ti da.
In tutti i video proiettati in questa due giorni, le rugbiste di qualsiasi età e di tutti gli angoli del globo hanno trasmesso energia, vitalità, forza di gruppo, occhi fieri e determinati.

Grazie all’amigo Norberto c’è anche stato modo di lasciare un contributo video, che vedrete a breve su facebook ( TuttoRugby) con delle brevi interviste a Kate Sadleir ( General Manager Women Rugby), a Xavier Vouga, simpaticissimo rappresentante del Sud America ed una intervista doppia a me e a Isabel Perez (Vice Presidente Rugby Femminile della FER, la federazione spagnola) con la quale abbiamo lanciato Italia – Spagna di domani, e stemperato l’eterna rivalità tra le nostre due squadre.
Io e Isabel abbiamo giocato contro varie volte, oggi ci ritroviamo a lavorare, ciascuna nel proprio Paese, per lo sviluppo del nostro amato sport…e domani ancora una volta saremo rivali, sugli spalti, ma mai nemiche.

La squadra in questi due giorni ha seguito quella che ormai è diventata la routine del mondiale….giovedì allenamento e poi ancora analisi video e recupero, venerdì Captains Run e consegna materiale per la gara.
Prima delle gare c’è anche da pensare alla vestizione della squadra; calze e pantaloncini vengono distribuiti in quello che è il magazzino del momento, mentre invece quello della maglia è un rito.
Da qualche tempo le maglie la ragazze le trovano nello spogliatoio, che viene allestito in maniera minuziosa da Giuliana, con l’aiuto di Matteo e di Elena. In ciascuna postazione, contraddistinta da un cartellino con il nome, trova posto la maglia, una bottiglia di acqua ed eventuale integratore, ed altre piccole cose necessarie alla gara, il tutto ripetuto per 23!
Poi ci sono altre cose, come le radio per le comunicazioni tra tutto lo staff, ed altro che però rimane… segreto di spogliatoio, perché lo spogliatoio comunque è il luogo più intimo della squadra e a raccontarlo sembra quasi di profanarlo.
Dopo cena passiamo un po’ di tempo tutti insieme…faccio una panoramica su ciascuno dei componenti di questo gruppo…no, c’è ancora una cazzutissima partita da giocare, per la malinconia ci sarà tempo…ancora una volta…#INSIEME!!!!!

“So già che mi mancherete tutti.
Che strana estate è stata questa!
Invece di passarla in famiglia e in vacanza….l’abbiamo passata con un’altra famiglia….e un po’ meno in vacanza, ma comunque sempre in ottima compagnia! (Cit. MIA!)”

Maria Cristina Tonna
Coordinatore Attività Femminile