U16 – MARE E TERRA SORPRENDE TUTTI A ROVIGO. 3° POSTO AL TORNEO MILANI


E impresa fu. I Sarracins dell’allegra banda di Conegliano e Partenope hanno lasciato di stucco parecchi benpensanti un pò divertiti da questa curiosa alleanza veneto-partenopea, come mettere insieme il diavolo e l’acquasanta. E invece zitti zitti i ragazzi, guidati dal gatto Stefano e la volpe Tonino, supportati da famiglie e amici dal grande cuore, hanno fatto una piccola impresa sportiva e culturale. Ottimo spunto per la storia di un film sul senso della vita, dei pregiudizi e della passione che supera ogni muro.
Prima di riportare i racconti di Mr Alessandro Battista e il centro Genny De Maria vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno creduto a questa idea e che hanno dato un contributo, sia come atleti, tcnici, dirigenti e familiari.
M&T V Rovigo 5 – 5
M&T V Settimo Milanese 25 – 0
Quarti di Finale M&T V ASR Milano 5 – 5 – passa M&T squadra più giovane
Semifinale M&T V San Donà 3 – 12
Finale 3°-4° posto M&T V Pol. Lazio 5- 5 – vince M&T squadra più giovane
Vince il San Donà, 2° Rovigo.

“È una folla multicolore, laboriosa ed entusiasta quella che accoglie la franchigia venetopartenopea nello storico impianto rodigino. Un tempio che si svela più grande ed affascinante dell’immagine resa dalle dirette televisive. L’esordio è da brividi : con i padroni di casa e sul campo dell’Eccellenza, quello dell’ultimo scudetto, per intenderci. Stefano è un leone in gabbia, mentre Tonino dispensa pillole di serenità, mista ad autentico entusiasmo. È rugby vero quello che si respira e ci sono i migliori protagonisti con cui confrontarsi. Alcuni sono vecchi antagonisti delle ultime battaglie del campionato élite, altri invece avversari tutti da scoprire. Dopo un lungo riscaldamento, utile per rendersi conto delle misure del campo, ecco arrivare la chiamata dell’arbitro. Saluto a centrocampo ed è scontro tra titani.
I nostri reggono bene all’emozione, meglio del previsto. Il piede di Battistino non trema sul calcio di punizione. Tre a zero. Inevitabile la reazione di Rovigo, che si porta in vantaggio con due mete, non trasformate. Non molliamo, vogliamo passare alla seconda fase per giocare le finali che contano e marchiamo la nostra prima meta. Serve la trasformazione e Battistino non delude ancora una volta. Finisce in parità e le due partite con il Settimo Milanese decideranno le sorti del girone. Vinciamo noi con 5 mete a zero, ma Rovigo fa meglio e passa come prima. Fortuna vuole che siamo la migliore seconda e domani sarà ancora una milanese la squadra avversaria da battere: A. S. R. Milano, vincitori sul Mogliano di Properzi. Roba da far tremare i polsi anche ad una squadra collaudata. Mare e Terra, acqua vulcanica e zolle di terra fertile, un connubio che sembra nato quando gli dei si dividevano gli elementi naturali.”

Alessandro Battista, dirigente barelliere.

“Giovedì mattina eravamo tutti pronti per partire : destinazione Conegliano.
Dopo il lungo viaggio andiamo al campo a salutare i nostri amici del Conegliano rugby e poi andiamo in hotel.
Già da venerdì mattina eravamo in clima partita, abbiamo fatto 3 ottimi allenamenti durante la giornata.
Durante il torneo abbiamo dimostrato di essere una grande squadra e nonostante apparteniamo a 2 squadre e 2 realtà diverse abbiamo dimostrato di essere molto uniti.
Durante il torneo abbiamo perso una sola partita con la prima classificata , il San Donà, e abbiamo pareggiato con la seconda, il Rovigo e riusciamo a piazzarci al 3 posto nonostante alcuni infortuni .
È stata una bella esperienza che alimenta la forza del gruppo mare&terra.”

Genny De Maria, tre-quarti centro arrivato primo all’ospedale di Rovigo.