UNDER 12 – STORIE BELLE DA PARMA


“Il 9 aprile, insieme alla mia squadra della categoria under 12, abbiamo partecipato al 29° “Memorial Amatori” che si è tenuto a Parma. A Parma siamo arrivati sabato con il treno, ci siamo sistemati nell’ostello, poi siamo andati ad assistere alla partita di serie A* delle “Zebre”, squadra di casa del complesso sportivo che ha ospitato il torneo. Un centro sportivo che non avevo mai visto prima con tantissimi campi tutti in erba vera o finta e con tante cose belle. Le emozioni forti sono arrivate domenica mattina quando ho visto tutte quelle squadre che cominciavano ad allenarsi per le partite. E’ stata una giornata molto calda e molto intensa. Abbiamo giocato contro sette diverse squadre tutte molto forti. Ho provato molta soddisfazione perchè non pensavo di riuscire a competere con tutte quelle squadre forti. Pensavo che non riuscivamo a fare nessuna meta ed invece ne abbiamo fatto tante ed abbiamo anche vinto una partita. Grazie ai nostri allenatori Antonio Foglia e Andrea Esposito siamo riusciti a giocare meglio e a divertirci di più. E’ stato molto importante per noi il supporto degli under 14 e della nostra dirigente Titty Delizia che hanno fatto il tifo per noi.”
Andrea Verolino

*si trattava ovviamente del campionato PRO 12 tra franchigie europee e non di serie A, ma abbiamo preferito lasciare la versione originale dell’autore…per far capire come la gran parte di questi ragazzi si è avvicinata da poco al mondo del rugby e non conosce le dinamiche e la geografia del rugby professionistico.

“L’esperienza è iniziata con l’arrivo di tutti alla stazione di Napoli. Nel vagone ci siamo divertiti giocando e facendo scherzi con i ragazzi dell’under 14. Poi abbiamo cambiato treno, ci siamo divertiti perché quando passava un treno alcuni si spaventavano. Arrivati a Parma abbiamo preso il bus e poi finalmente siamo arrivati all’ostello dove siamo stati un secondo perché siamo andati a vedere la partita delle Zebre che giocavano contro i Dragon, abbiamo visto una partita bellissima! Poi abbiamo supportato l’under 14 e abbiamo organizzato dei cori, un coro diceva “dai ragazzi non mollate, dai ragazzi non mollate” , l’altro era “forza Partenope, forza, forza Partenope “. Poi abbiamo mangiato e siamo andati in camera e abbiamo fatto wrestling sui letti. Il giorno dopo siamo andati a giocare la prima partita contro il Cernusco, potevamo vincerla ma non ce l’abbiamo messa tutta (compreso io). La seconda partita contro il Parma abbiamo perso, però noi abbiamo cercato di vincere ma non è quello l’importante perché come dice il nostro mister l’importante è giocare al massimo. Poi alla terza partita contro il Prato abbiamo giocato bene ma la partita è stata uguale a quella precedente. La quarta l’abbiamo vinta giocando benino. Poi siamo andati a mangiare e dopo abbiamo giocato la quinta partita, è andata male ma dopo abbiamo giocato come la Partenope sa giocare, infatti abbiamo perso le partite ma per una meta di differenza. Poi siamo ritornati in ostello e quindi ci siamo diretti verso la stazione. Nel treno abbiamo scherzato e giocato come sempre. Alla fine è stata un’esperienza stupenda!!!
Dal capitano dell’under 12 un saluto a tutti.”

Domenico Puorto.