FANGO, FREDDO E MINIRUGBY A BENEVENTO


Sabato si è giocato il raggruppamento di minirugby in quel di Pacevecchia, casa del Benevento Rugby, mettendo alla prova le capacità di resistenza dei tanti bambini intervenuti e di molti familiari. Alla fine i bambini hanno reagito alla grande, mettendo grinta e coraggio tra le intemperie, per poi scatenarsi nel massimo godimento del gesto più ribelle verso la più classica delle proibizioni materne: INFANGARSI.
Così le mamme sugli spalti, inermi e prive di ogni potere, assistevano ai tuffi nel fango dei figli entusiasti. Non è facile organizzare un evento in queste condizioni meteo, soprattutto quando ci sono bambini, ma i fanciulli sono capaci di sorprenderci nelle loro risorse enormi nel reagire alle difficoltà con allegria, soprattutto grazie ai tecnici e ai dirigenti che li guidano e accompagnano.
Eccovi alcuni commenti dei bambini PRJ:

“E stata come tutte le altre, una giornata stupenda passata con i miei compagni di squadra. Siamo sempre agitati prima di giocare ma poi basta schierarsi che tutto diventa bello e divertente. Aspetto la prossima gara.”
Rosario ventola, under 10.

“Sabato pomeriggio siamo andati a Benevento per un torneo , il tempo però non ci ha dato un attimo di tregua , ma nonostante tutto abbiamo disputato delle belle partite , e il terzo tempo era ottimo. A noi rugbisti basta poco un bel campo , compagni, una bella mangiata e la cosa più bella è la nostra palla. Viva il rugby!”
Filippo Cioffi, under 10.

“Sabato siamo stati a Benevento per un torneo. A parte il freddo e la pioggia, è stata una giornata bellissima dove ho avuto modo di giocare con i miei compagni. Adoro il rugby…. alla prossima.”
Christian La Rocca, under 10.

“Sabato 18 febbraio la mia squadra è stata invitata a un concentramento a Benevento al campo Pacevecchia, un campo che già conosciamo perché abbiamo giocato l’anno scorso. Come al solito pioveva e faceva un po’ di freddo. Le squadre, oltre alla Partenope, erano Pompei, IV circolo, Benevento ed Amatori. Il viaggio in pullman è sempre molto divertente e serve a caricarci per la partita ma quando siamo arrivati pioveva molto e il campo era tutto fango. Abbiamo cominciato, dopo essere stati per un po’ a parlare negli spogliatoi. A me è bastato fare un placcaggio ad un avversario del IV circolo per diventare subito nero! Alla fine è andata bene, abbiamo vinto due partite ma è stato difficile perché si scivolava molto. Il mister Antonio ci ha fatto i complimenti. La parte più divertente è stata il finale, il tuffo tutti insieme nelle pozzanghere che i genitori hanno ripreso col telefonino! Eravamo gelati e sporchi di fango e le docce erano fredde però ci siamo divertiti moltissimo. Il terzo tempo era sotto un tendone. Abbiamo mangiato dolci a volontà. Il ritorno in pullman è stato divertente ma eravamo tutti stanchi anche se nessuno ha dormito!”
Riccardo Esposito, under 12