SERIE C-2. ANNO NUOVO, SANGUE NUOVO


AP Partenope Cadetta Vs Pol. Sarnese: 5 – 26

Sabato pomeriggio in casa Albricci ha toccato la prima palla della stagione la nuova versione della squadra cadetta Partenope, allenata da Fabrizio Ames. Dopo l’esperimento ben riuscito dello scorso anno, il gruppo si è aperto a nuovi inserimenti provenienti dagli U18 ormai fuori quota, da vecchie glorie tornate al primo amore o da lunghi infortuni o semplicemente da altre realtà come il progetto Erasmus per studenti europei o il giovane Tourè dallo Scampia Rugby. Rugby è per noi inclusione.
Per questa partita, vi lasciamo due racconti, quello del capitano Domenico “Mimmo” Cristiano e quello di Mike, un giovane ragazzo che ha conosciuto solo 2 anni fa il rugby grazie alla partecipazione della squadra del suo Liceo, il Cuoco, al Trofeo Partenope. E oggi si ritrova a giocarsi la maglia per la prima squadra…obiettivo raggiunto!

“È stata oggi una bella sfida per i ragazzi meno esperti del gruppo Partenope che, nonostante questa mancanza di esperienza, sono scesi in campo con la giusta determinazione e con la voglia di giocarsela. Purtroppo dall’inizio della partita non siamo stati in grado di impostare il gioco come volevamo, a causa di non poche lacune nell’organizzazione; ma come si è visto in più azioni, soprattutto nel secondo tempo, la squadra è in grado di dire la sua in campo quando si sveglia e si mette in testa che un punteggio negativo non vuol dire nulla. Durante la partita ho notato che c’è stato un “imbuoninento” dei modi, cosa che purtroppo ci penalizza molto, soprattutto in un campionato come quello di C2. Penso sia questo l’aspetto su cui bisogna lavorare più urgentemente per iniziare ad essere efficaci in campo. Comunque l’avvio poco piacevole del campionato non scoraggerà i ragazzi, il gruppo ha delle buone potenzialità di crescita, se giustamente coltivate ed indirizzate.”
Domenico Cristiano, prima linea e capitano.

“Prima partita di campionato per noi Cadetta, con una rosa abbastanza giovane e forti di alcuni esordi , scendiamo in campo con grande voglia di fare e di vincere. Purtroppo il primo tempo non lo giochiamo al meglio delle nostre possibilità, infatti subiamo due mete in prossimità dei pali. Il secondo tempo ripartiamo con un’altra testa, iniziamo ad attaccare come abbiamo sempre fatto, incursioni su incursioni fin quando grazie a Jed, insieme ad un ottimo lavoro di pulizia della ruck, andiamo in meta.
Purtroppo a causa di due nostri errori nella 22 , gli avversari riescono a fare altre 2 mete , una da una touch e l’altra da una mischia. Nonostante ciò, il nostro morale non cala e difatti finiamo la partita in attacco.
Personalmente io credo che siamo una squadra con ottime potenzialità, dobbiamo solo giocare più spesso insieme in modo tale da acquisire più esperienza e conoscenza gli uni degli altri.
In conclusione, una riconoscenza speciale va a Barbato per il suo esordio in C e ai miei due compagni di reparto, Pitirollo che, per la prima volta, ha giocato a 10 e Tourè che, proveniente dallo Scampia Rugby , ha giocato la sua prima partita ufficiale con noi Partenope.”

Mike Tiburcio, tre-quarti ala (pesante), classe 1997