SERIE B – UN ESORDIO SPECIALE


Cosa significa per un ragazzo che gioca nella squadra giovanile esordire in serie B, alla prima di campionato, sul proprio campo, con i propri compagni a guardarti dagli spalti. Ce lo racconta Antonio Fiorino, classe 1999, mediano di mischia della formazione under 18 Partenope, selezionato dal nuovo allenatore Hein Havenga che, insieme al Director Marcos, ha avviato il nuovo cammino della prima squadra, strettamente connesso al progetto Partenope Junior nella valorizzazione dei giovani emergenti. I giocatori più anziani ad aiutare i giovani scalpitanti nell’inserirsi rapidamente in una nuova dimensione mentale e fisica, il mondo degli adulti. Un lungo orizzonte che necessita di passione e pazienza, con calma…

“La partita per me è iniziata martedì quando l’allenatore mi ha comunicato che mi avrebbe convocato domenica e che, nei giorni successivi destinati agli allenamenti, avrei dovuto dare il massimo. Carico di adrenalina, ho atteso il giorno della partita. Sceso in campo, inizialmente sono stato in panchina, assitendo alla partita fino al mio ingresso in campo. Purtroppo la partita inizia male, con una meta subita sull’ala. Inutilmente i miei compagni hanno cercato di ribaltare il risultato nel primo tempo. Il secondo tempo inizia bene dopo le incitazioni di Hein a provare riscattare il deludente primo tempo, mettendoci cuore e anima. Il mio ingresso avviene quando subentro alla sostituzione di un compagno per infortunio e subito do il massimo di me, placcando e facendo avanzare la squadra fino alla meta. Sebbene la partita sia andata male dal punto di vista del risultato, infatti abbiamo perso 20-35, tuttavia è stata una grande emozione giocare in prima squadra al fianco dei più grandi e accanto a Marcos che ha visto tutti i miei progressi e contro una squadra di giocatori più grandi.”
Antonio Fiorino.img_4317