Andrea Uno di Noi !


Storia di Andrea, storia di rugby e di amore per la vita.
Andrea Esposito, 39 anni, figlio di rugbista, nipote di rugbista, cugino di rugbista. Lui no, resta immune all’ovale, preferendo altre discipline. Ma fino a quando, dopo aver fatto dello sport e la formazione la sua professione, approda al rugby come preparatore atletico della Amatori Napoli, sul campo del CUS a via Campegna, Cavalleggeri. Stesso campo dove qualche decennio prima, quando lui non era ancora nato, padre, zio e cugino giocavano con l’Italsider. Il destino beffardo volle che quando Andrea mise per la prima volta piede sul campo per una partitella amichevole con i suoi atleti, una fitta arrivò dritta al cuore. Poche ore di dolori, paure, dubbi, per arrivare alla certezza spietata. Il cuore non va, ne serve uno nuovo da trapiantare. La vita è improvvisamente cambiata, trasformata, distorta. Passano mesi di speranza a correnti alternate e sofferenza di fondo, pessimismo crescente. Ma un giorno succede quello che Andrea e Clelia, insieme alla famiglia, stavano aspettando con ansia non più gestibile. Qualcuno ha deciso di far continuare la vita donando il cuore di un giovane sfortunato, arriva la telefonata, si va in camera operatoria su al Monaldi. Ore intense, infinite. Andrea ha un cuore nuovo, la vita è tornata, ma i dubbi e gli interrogativi non spariscono del tutto, chissà che succederà ora. Dura è la salita della riabilitazione, della scoperta di una nuova vita. Arrivano delle momentanee tempeste, nuovi ricoveri, ma piano piano il cielo torna azzurro e il sole splende. Nel frattempo Andrea torna al campo, quello dellaPartenope Rugby Junior, visto che il figlio Riccardo decide di fare quello che hanno fatto nonno e prozio. Giocare a rugby. Ma non basta. Andrea vuole ridere in faccia al destino, e torna su quel maledetto campo, con i vecchi amici della Partenope Old e finalmente tutto il passato è esorcizzato, Andrea corre e si diverte, Andrea vive, Andrea gioca a rugby, uno di noi.

Dario C.