SERIE B – SPREMUTA DI ARANCE AMARE PER IL XV PARTENOPE


CUS CATANIA VS PARTENOPE: 20 a 17

Che il girone sud del campionato di serie B sia alquanto equilibrato si era capito, e domenica alla cittadella universitaria se ne è avuta ampia dimostrazione. L’articolo del quotidiano La Sicilia allegato traccia la cronaca di un match dai due volti, primo tempo terminato 17 a 3 per gli etnei, dove la pressione sterile e poco convinta dei vesuviani è stata punita dalla concretezza e determinazione dei padroni di casa. Nella ripresa i guaglioni di Ezio e Antonio si danno la sveglia, ma non basta. Ecco il commento del responsabile tecnico Ezio Fallarino:
“In sintesi, paghiamo ancora una volta l’approccio alla partita. Quando pensiamo che il risultato sia scontato (vista l’ampia vittoria registrata all’andata), scendiamo in campo con un po’ di sufficienza e non riusciamo a concretizzare le varie occasioni prodotte. Un primo tempo svogliato, con solo qualche sprazzo non finalizzato per errori di handling. Nel secondo tempo più concreti ma comunque molto fallosi. Da considerare che il nostro mediano di mischia Max Gherardi ha giocato con una caviglia gonfia a causa di una distorsione durante il riscaldamento, a lui un plauso per aver resistito tutto il match. E quando avevamo agguantato il pareggio ancora due falli hanno compromesso il risultato finale.
In queste 2 ultime settimane, a causa del guasto dell’impianto di illuminazione dell’Albricci, abbiamo condotto gli allenamenti nel “campo” di emergenza di Barra, senza poter fare contatto in quanto alte le probabilità di infortuni visto lo stato del terreno. Non è una giustificazione, ma un campanello di allarme.

Ezio Fallarino, responsabile tecnico 1° XV.